17 set 2013

Il post del ritorno, tiè.

Mi dicono che sono troppi giorni che non pubblico e chi me lo dice ha ragione. Ho ricevuto anche qualche minaccia, mi hanno promesso bastonate con grossi bastoni se ometto di riempire una pagina del web... eccomi dunque, che verso certe amiche nutro un timore reverenziale enorme. Dai. Davvero. Forse.
Non è vero che ho abbandonato il blog, i contatti interessanti aumentano, le relazioni migliori si intessono sempre piu finemente, così come le amicizie che traslocano dal 2.0 al 1.0.
Che Elisa abbia cominciato l'asilo l'ho già detto? E che girovago per casa con gli occhi a palla? Fa strano fare la cacca in solitaria. Davvero! Sto meditando di telefonare a qualcuno nel mentre, per non accusare troppo la malinconia. Magari potrei farlo senza confessarlo, vedremo. 

Ho scoperto un modo per calmare l'ansia. Ecco, potrei parlare di quanto l'ordine dei miei cassetti mi stia aiutando a mettere ordine nei pensieri sparsi. Piego ogni cosa che può essere piegata, non in modo compulsivo e nervoso,  in modo quasi delicato e simpatico... ma proprio tutto.
Non riconosco più una maglia da un pantalone, ma è uguale. 

Rido. 
Rido molto ultimamente. 
Rido di me stessa quanto degli altri,  mi diverto a seguire l'inizio della scuola di una nipote lontana col grembiulino blu e le disavventure di mamme amiche che riprendono possesso delle loro vite. Non so perché l'inizio della scuola sia molte volte un inizio nuovo di cose dimenticate. Auguri!  

Ho scoperto di essere fiera della mia bambina e mi sono d'improvviso ricordata che amo mio marito più di ogni altro uomo al mondo. 
E rido, perché me ne sono accorta. 
Piango anche un po', mi commuovo della gioia e della tristezza che trova un posto preciso nella mia vita. 

Rido anche perché, mentre scrivo dal cellulare vedo delle notifiche e so che chi mi ama, mi sta sputtanando in giro per qualche Social. 

La vita è bella, sempre di più e anche per questo. Grazie!

Franci. 

12 commenti:

  1. Si, vabbe', grazie altrettanto (da quando nn scrivo io un post?)

    RispondiElimina
  2. Io non ti ho mai sputtanato. Quasi mi sento in colpa.

    RispondiElimina
  3. Ma che bello condividere epifanie...
    Forse anche io piego e sistemo cassetti?

    RispondiElimina
  4. corro subito a sputtanarti!

    RispondiElimina
  5. questa cosa di piegare le cose e insieme i pensieri mettendoli in ordine la conosco...ma sono così pigra che rimando sempre...nei cassetti e nella mia mente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono piuttosto conosciuta per l'ordine mentale ed i ripulisti, quando mi ricordo di farli, of course!

      Elimina