31 gen 2013

Liberiamo una ricetta: gli Arancini secondo Debora.

Questa è la ricetta di un'amica di quelle che se chiedi: "mi scrivi una ricetta che c'è un bel progetto?"  te la scrive senza fare troppe domande (all'ultimo momento, ma te la scrive ed è anche per questo che le voglio bene). È un'amica di quelle vere insomma, che si fida e della quale avere fiducia.
Debora è una palermitana DOC, ora trapiantata tra le risaie per amore e smette raramente di sentirsi siciliana nel sangue.
Grazie a lei ho assaggiato la pasta più buona del mondo (gli annelloni al forno), ho imparato ad amare le panelle (anche se non fritte) e gli arancini.
La ricetta che libera è proprio la ricetta degli arancini, perciò lascio la parola a lei, ringraziandola di cuore, per aver partecipato.
Cucina che passione !!!
Una passione nata pochi anni fa, vuoi per la convivenza e l'arrivo di un figlio, vuoi per i 1600 chilometri che mi separano da casa, vuoi per i peccati di gola ai quali proprio non so rinunciare. Fatto sta che mi piace  stare ai fornelli, cucinare per me e per i miei uomini (compagno e figlio ehehehe). Preparare anche cosette un  po’ complicate ma soprattutto i piatti tipici Siciliani che un po’ mi mancano e alcuni non me li faccio mancare quando mi è possibile reperire gli ingredienti.
Per questo, qui sotto vi scriverò la ricetta degli Arancini ovvero palline di riso con il cuore ripieno, facili gustosi e versatili, buone come antipasto, come piatto unico perché direi completo o come primo e perché no anche come dessert.
Per prepararle servono pochi ingredienti e per il ripieno basta veramente aprire il frigo e lasciarsi ispirare seguendo i proprio gusti. Le tradizionali son al ragù di carne oppure al prosciutto e burro. Io amo la variante spinaci e ricotta, besciamella e funghi,  ratatouille, speck e brie, radicchio e zola oppure la versione dolce da servire come dessert, ripiena con pezzetti di cioccolato fondente in alternativa anche un cucchiaio di crema di gianduia va bene.

Ingredienti per 3-4 persone:
500g di riso (io uso il carnaroli, va bene anche arborio o roma)
1 bustina di zafferano
30g di burro
Brodo fatto con il dado
Peperoncino, paprika dolce e curry q.b.
Parmigiano q.b.

Io faccio una sorta di risotto. Sciolgo il burro in una pentola e butto dentro il riso.
Appena inizia a sfrigolare comincio a bagnare con il brodo.
Aggiungo man mano tutti gli ingredienti lasciando il parmigiano, che aggiungo a cottura ultimata.
Appena è cotto butto il riso su una teglia grande in modo che si raffreddi in breve tempo possibile. Intanto preparo una “lega” con farina e acqua. Non deve essere né troppo liquida né troppo densa.
Andrò a bagnarci gli Arancini prima di passarli nel pangrattato.
Vi consiglio di far raffreddare bene il riso perché adesso comincia tutto un lavoro di mani!
Prendete un cucchiaio di riso e mettetelo sulla mano leggermente socchiusa, mettete il condimento da voi scelto al centro e cominciate a chiudere la mano, aggiungete del riso per chiudere l'estremità. Lavorate bene l'arancino fino a quando è chiuso bene e si sarà formata la pallina.
Passate nella “lega” bagnando ogni parte e poi rotolate nel pangrattato... et voilà!
Gli arancini vanno fritti in abbondante olio bollente.
Quando sarà ben dorato l'arancino sarà pronto per essere mangiato. Attenzione che io in questo passaggio mi scotto sempre la lingua, il cuore dell arancino può essere pericoloso!
Gli arancini al cioccolato appena cotti potete spruzzarli con dello zucchero, tripudio di calorie e bontà. 
Adesso non vi resta che cimentarvi, fatevi aiutare dai piccoli di casa divertimento assicurato !!!!
Ringrazio Franci per l'ospitalità, per la pazienza che mi dedica ad ogni chiamata piena di dubbi (miei), ringrazio lei per avermi fatto scoprire sapori nuovi e per avermi spinto ad usare le mani in cucina senza il timore di sbagliare e fare delle schifezze.
Grazie Franci =)

Le storie sono per chi ascolta, le ricette per chi le mangia. Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è   di mia proprietà è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web.

La raccolta completa delle ricette liberate la trovate sul sito di MammaFelice

5 commenti:

  1. ok, facciamo che ci organizziamo un pranzetto sole donne ... io ovviamente porto i cupcakes!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fate pure eh! che io crepo solo d'invidia.

      Elimina
  2. Bellissimo premabolo Franci :)
    Deb, m'hai fatto sbavare solo a leggere l'elenco di possibili "cuori" per gli arancini... Questi li faccio domani stesso, oh mamma che voglia! Questa cosa della "lega" di farina e acqua mi colpisce, non l'avevo mai sentita, ero ferma a ripassi di uovo e farina :-O
    Ma senti, si possono fare al forno o è come bestemmiare?

    RispondiElimina
  3. mi sembra un buon programma Odi =)
    Franci trovami un hotel economico che ti porto due teglie di arancini !!!! ;)

    Glo la morte loro è in padella col olio bollente. Non hai bestemmiano tranqui ;) perchè esiste la versione "al forno" che io non ho mai fatto.
    Passi nella lega e la ricopri con un sottile strato di sfoglia facendola appicciare per bene, bucherelli con la forchetta così non gonfia e spennelli con un turlo sbattuto....se te la senti di provare poi fammi sapere. Io un pò per pigrizia unj pò perchè adoro quelle classiche non mi son mai cimentata

    RispondiElimina
  4. Lo faccio! Mi sto per mettere a friggere le castagnole e sono indecisa se tentare la doppia frittura (la facciamo letteralmente una volta all'anno, sono pure davvero poco brava a farla, improvviso a bestia...) o se andare a comprare la sfoglia :D

    RispondiElimina