19 dic 2012

Natale, Natale, Natale. Porco mondo Maya, fra poco è Natale.

Mia figlia che dice al papà, appena seduto a tavola dopo essersi destreggiato nel traffico di Bolzano e il suo stracazzissimo Mercatino di Natale: "è venuta a trovarci la mona" riferendosi a quello del comune che ci ha fatto visita per attestare che viviamo qui e non nascondiamo cinesini, Berlusconi o parenti serpenti negli armadi.

Sempre mia figlia che mi guarda e mi dice, facendomi venire una sincope malinconica mista a crisi di riso isterico: "ma quando io ero nella tua pancia, (e qui stavo per prepararmi a fare riferimento al nuovo libro di Mammamsterdam: La risposta del Cavolo, che peraltro ho già comprato per ogni evenienza) tua mamma era mortissima?" Sì, Elisa, mortissima.

Il capostipite che, parlando della casa nuova, ci chiede se per caso, oltre alla disgrazia incombente di Monti che lascia il governo, subiremo un'inondazione del fiume che è a circa 400 metri da casa, dietro alla ferrovia, dietro l'autostrada, dietro a tutto un mondo che per essere inondato dovrebbe piovere ininterrottamente per 365 giorni minimo.
E non contento ci chiede gentilmente, se il colle sopra casa non è mai franato, che detto da uno che nelle e sulle montagne ci lavorava e vive da oltre 60 anni, fa venire l'orticaria mista a furia omicida.

La madre per eccellenza, che sotto "effetto stono" da Natale in famiglia compulsivo, tuonata com'è, appena si avvicina una festa o una data importante ci concede di assistere ai deliri più esagerati che la storia conosca e ci permette di vedere il meglio di tutta la sua personale compilation di offese e illazioni, compreso il fatto che LEI è infelice. E stikatzzzi, smettessi di spaccare le balle vivresti meglio pure tu, eh. Non te lo ordina nessuno di essere così stronza... o hai un alieno che ti parla nel cervello e comanda le tue azioni? vabbè, tempo perso. Curati.

Le mie amiche che su Facebook ciarlano di Csaba, Settimana Enigmistica, Natale, Maya, governo ladro e io mi sento in una bolla di sapone fatta ovviamente di scatoloni impolverati e maledico le giornate di 24 ore perché ne vorrei almeno 52, di ore. Mi manca da morire il mio mondo, ma qua c'ho sempre da fare cazzarola e mi accontento di sentirmi dire: "cercalo su Google" (me la paghi, amour).

Sono felice. Se qualcuno se lo stesse chiedendo, sono felice.
Si avvicina il Natale e Babbo Natale quest'anno lo voglio tutto nudo, che mi consegni i regali sotto l'albero senza scatole da aprire o cartoni da smembrare, voglio tutto e subito.
Voglio i regali appesi su di lui.

A presto, Franci.

15 commenti:

  1. E questo è il post che amo, decisamente il mio preferito sul Natale. Mi ha fatto morire l'immagine dell'alieno che ti parla nel cervello (sintonie?) e soprattutto il babbo natale nudo che si sfiocca: ti adoro...no dai, non esageriamo...ti bramo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nudo e crudo, con le borsine appese... che immagine!!!

      Elimina
  2. Non è giusto! Il contesto ti offre troppa letteratura. Così è facile scrivere il post di Natale anche in mezzo agli scatoloni.
    Ma "traffico di Bolzano" è un ossimoro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì. Anzi è pura, sana e bastarda ironia!

      Elimina
  3. I LOVE U !!!!

    Cinzia

    RispondiElimina
  4. ahahah attenta a quello che desideri, che potresti ottenerlo :D http://www.superedo.it/foto/foto_10_babbo_natale_ubriaco-18.htm
    ahahahaahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh nooooo!!! Lo voglio sobrio e tutto sodo, mica flacidamente spalmato sulla strada!

      Elimina
  5. Tu mi sa che frequenti brutte compagnie di recente :-D
    Scriventi inclusi? Soprattutto scriventi inclusi. Adorabilmente schizzata. Quandi vieni a Roma portati dietro l'alieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Col cavolo che me lo porto dietro, sai che figure!!! dal vivo sono serissima.

      Elimina
  6. Sì, vabbe'. Pure io la dico 'sta cosa, poi dal vivo sono comunque la cretinazza che si può leggere sul mio blog (non che io stia dando della cretinazza a te, non mi permetterei mai, era giusto per fare un esempio). Oddio, mi sono persa. Mi sa che mi sono persa... a Piramide, vieni tu a prelevarmi? :-D

    RispondiElimina
  7. Vedo che non ce ;i ho solo io i figli che fanno domande profonde, accidenti che gioia. (Se ti consola, ho appena aperto 4 anni dopo lo scatolone perduto con il servizio di cristallo, quello buono)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiggggiuro che ero pronta, ti ho pensato intensamente e lei mi ha fregato alla grande.
      (Quello buono, rimarrà in cantina per i prossimi 2 figli, se mai arriveranno)

      Elimina
  8. Grande Fra...io leggo solo ora...ma grande :-D

    RispondiElimina