06 ago 2012

Il lama e il suo segreto.

Questo è un post "animal", fatto di metafore terapeutiche, pillole di saggezza nascosta e di sano delirio, che mi viene in aiuto quando i pensieri seri, sono troppo tanto di troppo.
Ci sono volte in cui la mia arrabbiatura finisce per farmi paragonare  ad un gallo e capita anche, che uno dei miei periodi di crescita consapevole, mi faccia sentire come una farfalla che rompe la crisalide; mi è capitato pure di desiderare di essere una faina o un camaleonte, una tartaruga o un delfino, una mosca o un leone. Mi auguro che questi miei pensieri non siano preoccupanti: tutto nasce dal fatto che il mondo animale, mi da spesso degli spunti di riflessione. (penso che gli animali ci capiscano spesso più degli uomini, in quanto a relazioni e affetti)

Comunque per farla breve, questa volta a fare da protagonista è il lama.

Dunque, il lama è un mammifero della stessa famiglia dei cammelli, è un animale grazioso ed aggraziato che in natura vive per lo più in montagna, ama il clima fresco, viene allevato per la sua lana e per la sua robustezza e resistenza agli sforzi, è d'aiuto all'uomo come animale da soma o da trasporto. 
Anche in Italia sono presenti degli allevamenti e qui in Alto Adige viene utilizzato per la pet terapy nei programmi riabilitativi in alcune strutture. 
In questi giorni siamo stati in gita dai lama, al fresco sul Renon.
Quello sopra è l' esemplare che più mi ha colpito: mezzo rasta, mezzo pettinato, alto circa un metro e mezzo, dal portamento fiero e con queste sopracciglia lunghe mi è parso pure saggio. 
Io mi sono comunque tenuta a distanza, non mi fido mica.
Se non gli vai a genio, se c'ha i peli per traverso, se non vuole la tua vicinanza o l'approccio di qualche suo simile lo importuna: sputa
Ma non uno sputo volgare e plateale. Lui si gira, ti guarda e senza bisogno di versi strani, urli o piazzate, sputa, ti sputa.
E tu, (o il suo simile che si trova a vicinanza sputo) tramortito da quell'inaspettata reazione, ti allontani, che altro puoi fare? 
Lui non ti da nemmeno il tempo di capire cosa succede, non ti da nessuna spiegazione perchè dopo averti fatto capire il suo disappunto, continua a fare quello che stava facendo senza sentirsi in torto.
Non si perde in giustificazioni per motivare il suo gesto, è sincero e diretto. 
SPUT e arrivederci (se mi gira).

Nella foto sotto (1.) un maschio, (contrassegnato con la freccia blu) addocchia una femmina (contrassegnato con la freccia rossa), prova a montarla (2.) lei si discosta e scappa ma lui imperterrito la segue (3.), lei regale e fascinosa, senza che lui se l'aspetti e senza proferir verso: SPUT. (4.)
Cioè, senza nemmeno guardarlo, della serie: "io non ti devo nessuna spiegazione e se ci sei rimasto male sono problemi tuoi". Al terzo SPUT, lui ha desistito ed è andato a pascolare da solo, facendosi inevitabilmente passare i bollenti spiriti.
Trovo in questo modo di gestire le relazioni, una grande novità: se mi ami così come sono, rispettandomi e stai bene anche a me, bene, altrimenti SPUT.

Ora, io non ho il desiderio inconfessabile di diventare un lama e di sputazzare in giro, non mi intendo di reincarnazione perciò non so se mai potrò diventarlo, ma un bello SPUT ogni tanto, senza troppe spiegazioni, lo trovo un mezzo comunicativo non solo invidiabile, ma pure liberatorio, anche solo a pensare di farlo. 
Immagino la faccia di certi miei interlocutori, mentre mi stanno tediando con le loro bazzecole o paranoie e io? SPUT, mi giro e me ne vado. 
Sarebbe la rivoluzione oltre ad essere, in certi casi, la soluzione a molti mali.
(potrebbe sembrare che sia un animale SNOB, in realtà difende solo la sua tranquillità e serenità. Tra l'altro le femmine sono dolcissime coi loro cuccioli e viene utilizzato per la pet terapy perchè è un animale fra i più docili. NON pestateli i piedi, però)

Ora vado, ho da pettinarmi.
Franci







2 commenti:

  1. Francesca... TI AMO!
    Ho riso sotto i baffoni godendomi la tua illustrazione che non.fa.una.piega.
    Anche io vorrei poter essere un lama, ogni tanto, invece mi spettino sempre molto quando faccio i miei SPUT. Regalita' meno infinito :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dico che ho da pettinarmi, tanto regale non lo sono neppure io O.o
      Ci proverò, però, questo è certo: mi è sembrato così SANO come atteggiamento, che non posso non provarci ;)
      Grazie! ♥

      Elimina