03 ago 2012

Ancora traguardi.

Mi sto preparando accuratamente per affrontare due settimane di ferie, non mie, ma di mio marito versione full-immersion.
(perchè è risaputo: avere il marito a casa in ferie, non è solo una passeggiata di salute e bisogna disporsi adeguatamente)
Non andremo al mare come già detto, ma non ci annoieremo di sicuro.
Fra un mesetto Elisa comincerà la scuola dell'infanzia e la accompagneremo nella sua prima e vera "entrata in società", perciò abbiamo intenzione di godercela per bene.

In queste ultime settimane, penso spesso a come Elisa sia cresciuta  velocemente e a come il tempo sia passato  senza che io ne fossi del tutto cosciente.  Le cose da fare sono state sempre tante e le giornate  quasi completamente  cadenzate dai suoi ritmi, sono passate in un lampo.
Guardo i segni che abbiamo disegnato insieme sul muro e che indicano la sua altezza  in questi tre anni e quello che provo mi pare strano, fastidioso e non riesco a zittirlo. 
Mi sa che sia proprio nostalgia. (non sto male, so che passerà)

Facendo ordine negli armadi, ho preso tra le mani la sua prima tutina minuscola (che non ho ancora avuto il coraggio di mettere via) e ho dovuto farmi forza per non piagnucolare.

Ho nostalgia di lei che mi viveva accozzato addosso, attaccata al seno, strisciante e gattonante per casa. 

Non so se sia normale questa tempesta "mammormonale" e sia riservata a tutte le mamme che stanno per cominciare la nuova avventura che si chiamava asilo, ma io mi sento proprio travolta da un sacco di pensieri. 


E poi, a dirla tutta, devo smetterla di guardare "24 ore in sala parto", cazzolina.

♥ VARA CHE BEEELE ♥
Ho molti progetti in testa (mi tengo impegnata come riesco nel frattempo) e li sto mettendo per iscritto cercando di riordinare le idee, quando ce la farò magari, li renderò pure reali. 

Vado a piagnucolare, tanto è notte e non mi vede nessuno. 
(e spengo la tele, maledetto +1 di Sky, mi sono riguardata la puntata)

Franci

14 commenti:

  1. "Non so se sia normale questa tempesta "mammormonale" e sia riservata a tutte le mamme che stanno per cominciare la nuova avventura che si chiamava asilo"

    A me suona piu' come una tempesta riservata a tutte le mamme che stanno per cominciare la nuova avventura di un altro figlio, cara mia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici? :) me lo auguro perchè questa sensazione di perdita di qualcosamanonsobenecosa mi fa parecchio svalvolare (più del solito, ecco...)

      Elimina
    2. Stavo per dire la stessa cosa di Gloria :-)

      Elimina
    3. bah, se lo dite voi, mi fido.... O.o

      Elimina
    4. Inizio il punto croce? :-D

      Elimina
    5. non scherzare amica, qui si parla di cose serie :P

      Elimina
  2. 24 ore in sala parto è il male (per chi non può permettersi di avere altri figli ma li vorrebbe)
    sigh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quegli scriccioletti lì, non mi fanno pensare del tutto ad un altro figlio, ma alla mia esperienza passata, sob.

      Elimina
  3. la tempesta capita a tutte le mamme..a me viene sempre il magone anche solo a mettergli via i boxer che non gli vanno più--

    RispondiElimina
  4. mmmmmm....ho la stessa sensazione quando penso che a settembre, non ce l'avrò più per casa tutto il giorno...che il tempo è passato troppo in fretta....mi vedo già a piangere per casa ogni volta che troverò un suo giocattolo o maglietta, come se fosse partito per il militare; poi, però, penso anche che ho bisogno di riappropiarmi un po' di me stessa e allora la sensazione di disagio vola via...vedremo a settembre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. riappropriarmi di che??? cos'è???
      ci leggiamo a settembre :)

      Elimina
  5. io la chiamo nostalgia preventiva :-) ma che diavolo è 24 ore in sala parto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un programma su real time, ti fanno seguire parti e nascite tipo "reparto maternità"
      (a quasi tutte le nascite, piango e singhiozzo, sono senza speranza -.-)

      Elimina