04 giu 2012

Il sesso dei genitori e LA Palestra.

Il tema del mese per il blogstorming di genitoricrescono è: Il sesso dei genitori e siccome ho deciso di partecipare perché l'argomento mi stuzzica parecchio, parlerò di Palestra, LA Palestra.


(questo è un blog serio, se non si fosse ancora capito e certi temi li affrontiamo così)

Dunque, LA Palestra è quell'Attività Fisica che permette di scaricarti e di ricaricarti, fa bene alla salute, è benefica per il cuore e la mente e bisogna farla spesso o comunque almeno per bene. (questo lo dicono fior fior di studi clinici ed antropologici e lo dice pure il mio Personal Trainer).


Quando sai che ci stai per andare, a fare Palestra intendo, mentre ti prepari la borsa insomma, comincia a liberarsi nel corpo l'adrenalina, un ormone semi-travolgente ed eccitante, che potrebbe arrivare quasi ad inebetire e rende spesso iperattivi (lo dicono sempre i suddetti studi), ma che ti fa capire soprattutto, che ne hai proprio bisogno, desiderio e voglia, maschio o femmina che tu sia.
Se andarci è invece una cosa non programmata, improvvisa e decisa all'ultimo momento, dicono che l'adrenalina esploda proprio, annebbi quasi la vista e che non sia previsto per la vera e propria Attività, neppure un pochino di Stretching.

In Palestra solitamente è meglio andarci in coppia, anche se, chi non ha paura di accecarsi dalla fatica ci va da solo e chi è ingordo ed esoso di risultati ci va in gruppo; in giro poi, si dice che ci si droghi per essere più efficienti e garantire risultati più clamorosi, bah...
Personalmente preferisco il classico duetto e non è mai capitato di incontrare persone dopate, ma ho invece incontrato, in adolescenza, persone piacevolmente e/o pedantemente fissate.

Dopo la Seduta vera e propria, si liberano altre sostanze, le endorfine, che regalano e lasciano una sensazione di benessere, di appagamento e soddisfazione (o almeno questo è l'effetto sperato e cercato, a volte ci possono essere degli intoppi ma solitamente va proprio come ho descritto)

Ho sempre amato sentirmi una sportiva, in tutti i periodi della mia vita, questo ha avuto effetti gradevoli e salutari e ad un certo punto, molti anni fa, ho scelto consapevolmente un Personal Trainer giusto per tenermi sempre in forma; gli sono fedele per passione ed affetto e penso sia il migliore nel campo (e mi auguro spesso che il campo sia solo e sempre il mio, ma questa è un'altra storia).

C'è stato un momento che ha emozionato entrambi e cioè quando abbiamo scoperto che avremmo dovuto trovare il tempo per la nostra divertente e rigenerante Attività, nonostante la nascita di Elisa: il frutto più concreto dei nostri appassionati Allenamenti.

Ricordo che quando ho partorito, l'ultimo dei miei pensieri era di rimettermi "in pista" a breve, in particolare per i miei muscoli indolenziti e la situazione un po' ostile alla Pratica, nelle zone interessate dai vari Esercizi.
Passati i fatidici 40 giorni, giorno più o giorno meno, con poche ore di sonno alle spalle, la voglia di ricominciare era molta: la Palestra mancava un po' a tutti e due, perciò si è deciso di comune accordo, di riprendere un leggero Allenamento.

In cucina o in corridoio, nel ripostiglio o in balcone non importava, gli Esercizi si possono fare ovunque perchè bastano solo gli attrezzi giusti, ma c'erano delle regole per me categoriche ed indispensabili da rispettare:

1- che il tutto avvenisse lontano dalle camere da letto per non disturbare i sogni della pargola;
2- che la sessione, fosse rapida e per me indolore, pur mantenendo un grado molto alto di piacevolezza;
3- che ciò si praticasse assolutamente tra un pisolino e l'altro, meglio ancora se in religioso silenzio (sempre per non disturbare la bella addormentata).

Io e il mio Personal Trainer, non eravamo abituati a nessuna protezione di sorta, quali caschetti, paradenti o conchiglie parapalle, ma la nascita recente di Elisa, ci avevano portato a prenderli in considerazione per un certo senso di responsabilità: il risultato della nostra inesperienza è stato, che ci siamo ritrovati in quella prima notte a dover fare i conti con un paracolpi rotto.
Nulla di grave e irreparabile, eh! sono cose che succedono anche nelle migliori sale da ginnastica, ma se ci penso, mi vengono ancora i brividi; non per me, ma per il volto trasformato del mio Personal Trainer, penso che avesse paura di aver danneggiato tutta l'attrezzatura e ancora oggi, mi auguro che  non abbia perso troppi anni di vita.

Questo piccolo incidente ci ha portato ad allontanarci per un po' dalla Pratica frequente, ma una volta passato un po' di tempo e appurato che non c'erano in previsione altre belle ed inaspettate sorprese, le cose sono tornate più o meno come prima.

Negli ultimi tre anni, la nostra presenza in Palestra non è più regolata dai nostri ritmi ma da quelli di nostra figlia, le pulsioni verso l'Attività stessa, sono efficacemente tenute sotto controllo, specie nei momenti ritenuti non propriamente consoni e le Sedute sono molto diverse ma non meno interessanti e gratificanti.

La pratica delLA Nuova Palestra prevede anche una grande dose di ironia, spesso quando ci stiamo appropinquando (quasi furtivamente aggiungerei) ad iniziare con lo Stretching in orari quasi normali, provengono dei richiami dalla camera della pargoletta, che risuonano come veri e propri ammonimenti e che dirottano l'attenzione dal Riscaldamento alla tisana di finocchio in un batter d'occhio (non sapete che grasse risate ci facciamo, ve le lascio solo immaginare).

Vorrei aggiungere e concludere, che io continuo a stimare profondamente il mio Personal Trainer,  nutro fiducia nel nostro duetto anche nei periodi di minore Pratica, slancio e lena, apprezzo pure le profonde ed intriganti occhiaie sui rispettivi visi, e credo che per tutti i genitori sia importante trovare delle nuove e piacevoli maniere per fare Attività Ricreativa insieme, nonostante le simpatiche interruzioni, le nuove responsabilità e preoccupazioni.

Non è sempre facile trovare il tempo e le forze, è vero, ma con un sano spirito di adattamento e un po' di fantasia, chi non vuole rinunciare alla cura del proprio corpo e della propria mente in questo senso, non deve rinunciare proprio a nulla.

Sempre che uno abbia interesse a rimanere in Allenamento, si intende.

Franci



Questo post partecipa al blogstorming










23 commenti:

  1. Questo è da incorniciare :-)
    (però mi fa deprimere!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. incornicia così te lo leggi spesso e non ti deprimi ^_^

      Elimina
    2. Ci faccio i volantini da distribuire nei pub e nei bar :D

      Elimina
  2. Risposte
    1. il bello è, che mi sono proprio divertita :)
      grazie :*

      Elimina
  3. mi ci voleva una bella e sana risata oggi.... sei mitica Fra!
    Ad ognuno il nostro Personal Trainer e la nostra palestra ;)
    mi ci ritrovo moltissimo in quello che hai scritto, tutto il mondo e' paese....
    Taty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tieni duro Taty, il tuo Personal Trainer torna mercoledì :*

      Elimina
    2. ahahahha e poi sono fatti suoi :)
      grazie Fra!!

      Elimina
  4. Evviva LA Palestra!!!
    Non avrei mai pensato di scriverlo in vita mia.
    Dopo i cuoricini <3 mi fai scrivere di tutto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah, hai capito? ahahahahahahahah

      (se il cuoricino lo vuoi fare da tastiera devi solo schiacciare ALT+259, così per dire eh...)

      Elimina
  5. Un GGGEnio. Questo post me lo stampo!!! Hai trovato una chiave strepitosa per affrontare l'argomento, è strepitosa è dir poco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri sera ho dimenticato di scriverti qui una cosa, fra una risata e l'altra. So di averlo fatto stamattina su fb, ma voglio condividerla con chiunque passasse di qui perchè, dopo aver letto questo post, la mia dichiarazione assume un sapore del tutto diverso.
      Ecco a voi, siore e siori:
      Mio marito ha dichiarato proprio ieri che ha intenzione di re-iscriversi in palestra. A settembre, però :-D
      Che ne dite, se mi metto un po' in tiro lo rimedierò un personal trainer di riserva?

      Elimina
    2. per il Personal Trainer ti ho già risposto che non so se sarai fortunata col cambio attrezzi, ma mi farei sapere, no?

      e grazie per i complimenti :)

      Elimina
  6. _applaudendo ritmicamente, con le braccia sopra la testa_
    bra-va-! bra-va-! bra-va-! bra-va-! bra-va-! bra-va-!

    RispondiElimina
  7. Io ho sempre rifuggito le palestre ma LA tua e' davvero unica e molto divertente! Anche se sono pigra di natura a questa continuo ad essere iscritta ... per fortuna!

    RispondiElimina
  8. complimenti per la metafora della Palestra!
    idea discreta ed efficace...una bomba!

    RispondiElimina
  9. fantastica :)
    la palestra è la stessa metafora che usa mio marito da un paio d'anni a questa parte che ridere :D

    RispondiElimina