04 gen 2012

Ricetta dello sciroppo di tarassaco: tra un colpo di tosse e un altro.

So che non è il periodo di fiori, ma in questi giorni data la tosse di gruppo, stiamo facendo un uso quasi smodato dello sciroppo preparato quest'estate.
Il procedimento, viene dalle ricette della nonna, è una di quelle pozioni magiche che una volta che si cominciano a fare e ad usare, non si riesce più a rinunciarvi,  trovo che sia una chicca per chi ama gli intrugli homemade, ossia fai da te.
Sarà perché viene da lontano e dalla tradizione, sarà perché piace a tutti sentirsi un po' stregoni (a me particolarmente), sarà perché quando la tosse colpisce si farebbero i gargarismi anche col ghiaccio, insomma  mi ritrovo qui a scriverla e sicuramente la riproporremo una volta che i fiori saranno nei campi.

Servono 500 g di fiori freschi di tarassaco (anche se ho sentito di qualcuno che usa quelli secchi in inverno ma io non ho mai provato), il succo di 4 limoni, 3 kg di zucchero (se volete usare quello di canna usatene 2 e mezzo) e 1 litro di acqua. 


Bisogna bollire l'acqua per un paio di minuti con i fiori e poi spegnere il fuoco e lasciare macerare per 30 minuti. 



Ora prendete un'altra pentola e scolate e schiacciate bene i fiori. Questo è quello che rimane dei fiori.








Questo invece è il decotto ottenuto al quale dovete aggiungere lo zucchero, il succo dei limoni e dovete cuocere a fiamma bassa per 45 minuti. 



Bisogna invasare a caldo e capovolgere i vasi fino a raffreddamento. 
Se si mettono 4 chili di zucchero diventa della consistenza del miele (se vi piace uno sciroppo più consistente). 
Si conserva molto bene e a lungo, si usa contro la tosse e il raffreddore mangiato a cucchiaini o per dolcificare le bevande. 
Spero di avervi almeno fatto venire la voglia di provarlo.

Franci

6 commenti:

  1. Mi ispira molto ed è molto semplice la preparazione. A primavera saprò cosa raccogliere. :-)

    RispondiElimina
  2. Quest'anno Lo voglio proprio fare! Va bene anche se uno la tosse non ce l'ha, no? ;)

    RispondiElimina
  3. @lucia rimarrai stupita, vedrai!
    @unnickname è quello il segreto di noi stregoni!!!! hahahahah

    RispondiElimina
  4. visto l'anno sfigato con raffreddori perenni, che neanche la primavera (se va avanti così) sconfiggerà... proverò a farlo con i fiori secchi e poi ne raccogliero a kg in primavera.
    grazie del consiglio
    raffa

    RispondiElimina
  5. Il tarassaco ha anche proprietà diuretiche importanti. Ottimo usato nelle tisane per combattere anche la ritenzione idrica. Bella questa ricetta!

    RispondiElimina
  6. @Raffa, mi dispiace molto per il vostro inverno. Fammi sapere come viene con i fiori secchi ;)

    @Mathilda grazie!

    RispondiElimina